Gioconcerto. Laboratorio di avvicinamento alla musica (2/6)

Laboratorio DI avvicinamento alla musica
 
2½ / 4 anni 4 / 6 anni
Ingresso alle 16.50.
Il corso inizia alle 17.00
e finisce alle 17.45
Ingresso alle 17.45.
Il corso inizia alle 17.55
e finisce alle 18.40
Ciclo di 10 incontri + 1 lezione aperta finale
quota:  euro 100* quota:  euro 100*
* in occasione dell’iscrizione, va sottoscritta la tessera associativa con durata annua di euro 20

Il suono è prodotto da una vibrazione e la vibrazione è alla base della vita tutta, per questo ne siamo attraversati con tanta emozione. Già nel grembo materno il bambino impara a riconoscere il ritmo: il battito del cuore e il respiro della mamma. 

Sicuramente conoscete la bellezza di questo spettacolo: gli occhi luminosi dei vostri bambini spalancati su tutto un grande mondo che si muove, si sposta, sale, scende, corre e rallenta; a quella giostra non si può non partecipare! Allora i vostri bambini si sporgono, cadono, gattonano e infine diventano esploratori dello spazio.

Ma la stessa curiosità, uguale uguale, ce l’hanno anche quelle piccole coppie di orecchie che ascoltano tutto: quanti suoni, voci, rumori! La musica è questo: riuscire a mettere ordine in tutto questo universo sonoro e parteciparvi, provando, esplorando, giocando. So correre! So cantare! 
La musica è un linguaggio estremamente naturale che appartiene ad ogni cultura, ad ogni essere umano. Fin da subito, se liberi da blocchi e paure, possiamo comprenderlo e parlarlo in modo spontaneo e creativo, ascoltando il nostro corpo con curiosità e meraviglia.

Nel laboratorio impareremo a riconoscere ritmi e melodie con tanta voglia di provare, esprimerci e divertirci, senza alcuna pretesa di valutazione. Attraverso giochi musicali impareremo l’ascolto e il silenzio, il ritmo forsennato o dolce, i suoni che ci fanno muovere e quelli che ci fanno rilassare, cantandoli, ballandoli e suonandoli con strumenti semplici adatti alle diverse età per migliorare la sensibilità e la consapevolezza dei gesti e delle espressioni.

Chi siamo? E come operiamo? E’ semplice: concentrandoci sulla sostanza. 
I nostri studi di psicologia e counseling, di canto e musica, di teatro e animazione ci hanno reso due insegnanti felici di scoprire e soprattutto di condividere. Venite a conoscerci, è senza impegno 🙂

Il corso è flessibile e verrà strutturato in base alle esigenze e competenze dei piccoli partecipanti. Verranno proposte attività, di seguito elencate, che compongono un’accurata sintesi delle migliori teorie e pratiche elaborate nella ricerca educativa e musicale contemporanea.

 La presenza di due operatori consentirà  particolare cura ed attenzione nei confronti  del gruppo come dei singoli bambini.


Attività:

  • Suonare gli oggetti di tutti i giorni (siamo stomp!)
  • Suonare il proprio corpo: body percussion!  
  • Ascoltare suoni e brani vocali e\o strumentali (dal vivo o registrati). Cosa evocano? Come ci fanno sentire? Imparare a cantarli e ad improvvisare con il corpo, con la voce e con l’immaginazione.
  • Costruire dei semplici strumenti con materiali di facile reperimento e con essi suonare una sequenza inventata da noi  
  • Passeggiate musicali: suoni naturali e gli strumenti che più vi assomigliano
  • Esperimenti sonori (aria, acqua, pieno/vuoto, fermo o flessibile, cosa suona meglio? Perché? Conchiglie, zucche, pentole e sassi)
  • Cantare rime, filastrocche e canzoncine associate a ritmi guidati e spontanei per esplorare la propria voce, cantare in gruppo, esercitare la memoria 
  • La danza, sentire il ritmo e lasciare che il corpo diriga il gioco
  • Storie, favole e buffi personaggi che parlano ai bambini
  • Ospiti illustri: i musicisti presentano il loro strumento

Programma degli argomenti:

  • Presentiamoci, scopriamo chi siamo. Il suono della nostra voce. Riconosciamoci con gli occhi chiusi.
  • Il silenzio 
  • Il piano, il crescendo, il forte.
  • Acuto e grave
  • Suoniamo suoni lunghi, suoni pizzicati e suoni corti.
  • Ritmi lenti, ritmi veloci, ritmi semplici
  • Suoniamo gli strumenti a percussione, gli strumenti melodici, il nostro corpo, tutti gli strumenti frutto della nostra invenzione. 
  • Balliamo e cantiamo

Valentina Scattolin

Valentina ScattolinLavora con amore e passione con i bambini da sempre. Inizialmente ideando e conducendo un laboratorio sull’invenzione e l’illustrazione di fiabe, successivamente presso i laboratori del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Dal 2016 collabora come autrice e conduttrice dei progetti didattici “Museo Farfalla” presso la Fabbrica del Vapore e gli istituti scolastici dell’Area Metropolitana, utilizzando i linguaggi e le tecniche espressive e artistiche di volta in volta più adatte al lavoro con i bambini.

Studia musica e canto al Piccolo Conservatorio Nuova Milano Musica e al Nam, e recitazione presso il Centro Teatro Attivo di Milano e la London Academy Music Drama and Art. Nel 2017 entra a far parte dei Civici Cori Abbado e inizia un percorso di quattro anni presso il Centro di Educazione Musicale delle Scuole Civiche di Milano. 

Ha lavorato come attrice televisiva e in diversi teatri tra cui il Teatro Franco Parenti, l’Arsenale e l’Elfo Puccini anche in produzioni per l’infanzia. Si è inoltre occupata di pittura, decorazione, scenografia.
Frequenta il Corso Professionale di Counseling ad indirizzo transpersonale ITI, dove lavora allo sviluppo della persona su tutti i livelli, allo scioglimento di blocchi traumatici ed emotivi, allo sviluppo evolutivo attraverso tecniche meditative ed espressive guidate dall’uso di ritmi e sonorità evocative.

Dal 2020 coordina presso gli spazi di Porta Vittoria il progetto dell’Orchestra della Musica Passante sostenuto da Fondazione Cariplo e dal Comune di Milano.


Sergia Fiore

Sergia FioreDiplomata in Scienze Sociali, consegue una laurea breve in Scienze e Tecniche Psicologiche, con indirizzo “Infanzia e Adolescenza”. Lavora fin da subito come educatrice in svariati contesti, quali ad esempio spazi di “Tempo per le famiglie” (0/3), centri di aggregazione giovanile e progetti di animazione territoriale. Parallelamente frequenta la scuola di Improvvisazione Teatrale “Teatribù” di Milano, diplomandosi al terzo anno e proseguendo la formazione per un ulteriore biennio. Abbina agli studi teatrali anche studi di approfondimento musicale, frequentando dei corsi di perfezionamento in improvvisazione canora e circle singing; studia clarinetto per tre anni, ai quali associa teoria della musica e solfeggio. 

Inizia quindi a lavorare come operatrice teatrale, gestendo corsi di gioco teatro in molteplici realtà: con bambini e adolescenti per una compagnia teatrale di Rozzano, in scuole dell’infanzia e  primarie a Sesto San Giovanni, in centri per anziani, in associazioni culturali. 

Frequenta corsi e seminari di specializzazione in canto, in scrittura comica e in sceneggiatura, cercando di sviluppare nuove competenze da poter offrire nei suoi corsi e negli spettacoli che scrive e interpreta. 

Dal 2013 collabora con “Museo Farfalla” e successivamente con la cooperativa sociale “Fosforo” in qualità di operatrice didattica e di coordinatrice delle attività, realizzando progetti all’interno delle sale del Museo Archeologico di Milano, del Castello Sforzesco, alla Fabbrica del Vapore e in numerose scuole primarie della Lombardia. 

In tempo di pandemia comincia a sperimentare la gestione di corsi di teatro a distanza, attraverso piattaforme di video-comunicazione, inventando attività che si adattino al mezzo per coinvolgere e stimolare la creatività dei partecipanti: il suo motto è “ogni posto è un buon posto per inventare una nuova storia”. 

Nel tempo libero consuma libri, serie tv e giochi da tavolo, spesso contemporaneamente.


 


 

 



L’Orchestra della Musica Passante fa parte del progetto Dissemina sostenuto da Fondazione Cariplo – capofila Le Belle Arti aps – progetto Artepassante

 

Rispondi