Orchestra multietnica (11/15)

Corso di orchestra
m° S Del Baglivo – A. Marini
dagli 11 ai 15 anni (non è necessaria una precedente formazione musicale)
lezioni settimanali di gruppo di 2 ore
mercoledì dalle 16.45 alle 18.45
annualità: ottobre-maggio
quota di iscrizione annua: euro 185*
* in occasione dell’iscrizione, va sottoscritta la tessera associativa con durata annua di euro 20

I valori di un’orchestra globale: creatività, integrazione, divertimento, scambio, rispetto, ricerca, crescita…

L’orchestra multietnica è un luogo fisico e mentale di esplorazione di vari generi musicali, l’occasione per sperimentare diversi strumenti e sonorità.
Sonorità che passano e ripartono come le migliaia di persone che si muovono ogni giorno nel passante ferroviario.
L’orchestra è il luogo in cui scoprirsi, in cui osare, in cui scambiarsi conoscenze, in cui fare errori e trasformarli in musica.

La musica attiva il dialogo e fa avvenire la scoperta di sé, il riconoscimento reciproco, il senso di appartenenza a un gruppo. E’ la musica il motore
dell’integrazione che si racconta attraverso un repertorio di sonorità che arrivano da ogni parte del Mondo: la musica popolare, canzoni tradizionali di varie culture, canzoni d’autore, pop, rap, rock e composizioni originali!

Poiché l’intento del progetto è quello di creare un gruppo culturalmente variegato, esso si rivolge sia ai ragazzi italiani che a quelli di origine straniera. Nella società attuale le scuole si caratterizzano per una utenza molto variegata dal punto di vista della provenienza etnica dei ragazzi che la frequentano: i ragazzi provenienti da famiglie italiane e i ragazzi stranieri (di seconda generazione o giunti da poco in Italia) fanno esperienza quotidiana di una collettività umana “globale” e  partecipano dell’incontro di abitudini, religioni e culture diverse.
Questo crea specifiche opportunità relative all’interazione fra i ragazzi, che sono lo stimolo per insegnanti ed educatori.

L’obiettivo principale allora è quello di migliorare anche di poco attraverso la musica la qualità della vita dei ragazzi, la relazione tra gli stessi, la condivisione di un progetto a lungo termine. Si intenderà creare intesa tra i ragazzi a prescindere dalle loro qualità e dalle loro difficoltà.
Il risultato più grande è sentirsi parte di qualcosa che si costruisce insieme, dando vita ad una autentica maniera di fare musica.
Questa esperienza potrebbe dare la possibilità di aprire gli orizzonti musicali e sociali, aprire la mente ascoltandosi e dimostrando, con delle future esibizioni dal vivo, quello che la musica può dare.

Gli appuntamenti orchestrali saranno anzitutto caratterizzati da momenti ludico- creativi, durante i quali i partecipanti verranno guidati alla realizzazione di veri e propri “dialoghi sonori”, vuoi ritmici, vuoi melodici, vuoi basati sulla variazione di altri parametri musicali, attraverso movimenti del corpo o l’utilizzo di strumenti diversi.
Sarà molto curato l’aspetto del movimento, al fine di migliorare la coordinazione motoria, che è alla base di ogni vera esperienza musicale.
Parallelamente verrà costruito un repertorio sia di brani già esistenti, rivisitati e arrangiati secondo la personalità e il gusto musicale che l’orchestra modellerà nel tempo, sia originali, ovvero creati ex novo con il contributo di tutti, laddove potrebbero più facilmente evidenziarsi le diverse matrici culturali dei ragazzi.
Verranno utilizzati strumenti classici quali chitarra, tastiera, pianoforte, flauto dolce, basso, percussioni a suono determinato e indeterminato, e qualsivoglia altro oggetto sonoro o strumenti insoliti, della più disparata provenienza etnica. Sarà proposto e ampiamente incoraggiato anche l’utilizzo della voce.

Può partecipare all’orchestra sia chi studia e pratica già la musica sia chi non possiede una preparazione specifica, perché la conduzione del progetto affidata a due insegnanti in contemporanea mira esplicitamente a fondere competenze diverse, seguendo insieme sia i singoli che il gruppo.
A tutti verrà chiesta una frequenza costante per mantenere una forma di rispetto nei confronti degli altri e per non creare disagi all’interno del gruppo-lavoro.


Simone del Baglivo

Musicista, compositore e musicoterapista che da diversi anni usa il linguaggio musicale per fini educativi, animativi e terapeutici. In particolare tiene corsi di propedeutica musicale nelle scuole materne ed elementari e corsi di musica d’insieme nelle scuole medie. 

«Durante gli anni di lavoro trascorsi a contatto con ragazzi delle scuole medie, ho osservato come la musica può essere un mezzo di comunicazione importante per molti di loro, soprattutto per quelli che hanno difficoltà ad esprimersi verbalmente.
Purtroppo la scuola raramente ha le risorse adeguate per consentire a questi ultimi di realizzare quel percorso individualizzato, che solo potrebbe farli crescere in armonia con sé stessi.
La mia idea di orchestra nasce soprattutto dalla convinzione che i preadolescenti in genere, italiani e stranieri, possano e debbano realizzarsi attraverso la musica anche al di fuori delle aule scolastiche, in un ambiente consono alla esplicitazione delle risorse personali e creative di ciascuno.  Una simile attività orchestrale, che si porrà fra gli obiettivi prioritari anche quello di  conservare e valorizzare le matrici culturali di ogni “giovane musicista”, può creare le condizioni perché si realizzi quella che,  a mio parere, è una delle vocazioni fondamentali della musica:  essere attività di recupero e di sviluppo sociale.»

Alice Marini

Dopo il diploma in violino classico, decide di dedicare più tempo alla sua passione per l’improvvisazione e per le musiche tradizionali di altre culture, comincia a esplorare tante diverse tecniche, ritmi e tradizioni. L’altra sua passione fin dai 15 anni è l’insegnamento, quella trasmissione di saperi e vibrazioni che avviene attraverso il suono e permette di fare miracoli. 

Convinta che la musica abbia un grande potere educativo quando è condivisa e soprattutto quando la si fa in gruppo, nel 2017 decide di creare a Pavia, in collaborazione con l’associazione Cielo Terra e Musica, la Downtown Orchestra, un’orchestra di musiche popolari, composta da ragazzi dagli 8 ai 18 anni.

“La mia idea di Orchestra nasce dalla convinzione che suonare insieme per i ragazzi sia un’occasione non solo per imparare a suonare bene uno strumento ma soprattutto per comprendersi e farsi comprendere nel proprio modo di relazionarsi con l’altro, accrescere i propri mezzi di espressione e imparare la bellezza e la forza della collaborazione per un entusiasmante e appagante obiettivo comune.”

 



L’Orchestra della Musica Passante fa parte del progetto Dissemina sostenuto da Fondazione Cariplo – capofila Le Belle Arti aps – progetto Artepassante

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...